.
Annunci online

Di notte le cose che uno si mette a scrivere sono strane, ma manco tanto
post pubblicato in Diario, il 11 luglio 2008
Uno (una) non dovrebbe postare alle 3 di notte, appena rientrata, senza occhiali, mezza (?) sbronza e con un sonno atavico, ma quando fai quei sospironi un po' alcolici, sfogliando internet per non si sa che motivo, controllando blog, cercando cose, quando fai quei sospironi pensi che non vuoi andare a letto e la cosa migliore da fare è proprio postare una qualche cazzata, mentre il sapore del vino si mischia col sonno, mentre pensi che forse era l'ultima volta che cantavi Folsom Prison Blues al karaoke, il mio cavallo di battaglia degli ultimi tempi, mentre ti guardi intorno e la casa è cambiata perché oggi hai passato tutto il giorno a fare scatole e hai tolto pure i poster, e non ti va di andare a letto senza lo sguardo di Joe Strummer sopra, che ti dà la buonanotte, senza Persepolis tutta rosa...
Sembra un magazzino, scatoloni ammucchiati e domani viene la posta a prenderli, e va bene, ma ne dovrò fare altri, ho tonnellate di roba cartacea da spedire e poi i cd i cd come faccio con i cd, mi serve una scatola apposta solo per quelli...
Oggi ho buttato quintali di roba, ho chiamato un recycle center, o come diavolo si dice e dopo mezz'ora sono venuti a portare via la stufa a kerosene che non ho mai usato, cioè, solo una volta ma ho rischiato di morire e non l'ho più accesa, e poi gli ho dato la coperta da 50 yen che comprai a settembre, ne avevo parlato pure in un post, la comprai all'usato coi guanti-cane e l'ho usata tutto l'inverno, poi l'ho messa via ma io mi affeziono alle coperte come Linus, cioè, mi piacciono proprio le coperte come oggetto, vorrei una collezione di coperte, non sapevo che fare e alla fine ho detto Fé, ma checazzo, stiamo a fà Linus? Ti pare che ti spedisci a Roma una coperta da 50 yen, comprata all'usato? E niente, la razionalità, come sempre, ha vinto, l'ho data via con la stufa.
La razionalità, come sempre, SEMPRE, ha vinto.
Cheppalle sta razionalità, mi sarei pure un po' stufata.
Ho fatto le foto alla casa com'era, ricordiamola così. Le posterò.
Questi sospironi ti riempiono il naso, ti entra dentro un vortice di aria che si mischia all'alcol e per ogni sospiro ti torna un po' di lucidità, che però si mischia subito col sonno e quindi non funziona comunque.
Ora mi levo i jeans e mi metto a dormire sotto quel muro bianco orfano di Joe Strummer e i Clash.
Le partenze fanno sempre schifo.
Posterò le foto, a perenne ricordo, e oggi ho fatto la Sendai Soundtrack. Posterò pure quella e ballando brinderemo tutti alla mia (alla nostra) salute.

Folsom Prison Blues, by Johnny Cash, al karaoke.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. diario nipponia

permalink | inviato da Alabama! il 11/7/2008 alle 19:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
Sfoglia giugno        agosto